PARTENOS

Cos’è e perché nasce

Partenos è un’Associazione multiprofessionale che nasce con lo scopo di interessarsi del dolore a 360 gradi, attraverso il dialogo e l’interazione tra soggetti, associazioni, enti, società ed istituzioni che, a vario titolo, sono, più o meno quotidianamente, a contatto con il “pianeta dolore”.
In quest’ottica, Partenos approfondisce tematiche attinenti non solo al dolore in quanto tale ma anche alle cure di supporto, intendendo con tale termine le cure indirizzate al sollievo dei sintomi correlati al dolore o alla malattia che sottende il dolore e/o ai suoi trattamenti e, più in generale, tutti quei sintomi il cui miglioramento influenza positivamente anche lacuna del dolore e tutte le tematiche che hanno attinenza con il dolore.
Parlare di dolore e di cure di supporto (in questa visione, ben lontane, per approccio, obiettivi e setting, dalle cure palliative), pertanto, significa parlare di tutte le modalità di approccio globale alla sofferenza, genericamente intesa e, in tale ottica, non può che prevedere un coinvolgimento diretto e paritario di un esteso numero di professionisti:anestesisti, terapisti del dolore, neurologi, neurochirurghi, neurofisiologi, ortopedici, fisiatri, chirurghi, ginecologi, urologi, radiologi interventisti, radioterapisti, psicologi, psichiatri, medici delle dipendenze, reumatologi, genetisti, geriatri, internisti, intensivisti, farmacisti, farmacologi, oncologi, epidemiologi, statistici, ricercatori di base, pediatri, veterinari, terapisti della riabilitazione, infermieri, ma anche bioetici, esperti di farmacoeconomia e di politica del farmaco, creando partenariati e link con il mondo dell’associazionismo laico e religioso, con le associazioni di malati o di parenti di malati e con le Aziende Sanitarie e le Aziende produttrici.
Allora cos’è Partenos? E’ un’Associazione che nasce con lo scopo di far dialogare e creare link tra tutti coloro che, a vario titolo ed in vari momenti, intervengono o sono coinvolti nel percorso diagnostico-terapeutico e decisionale del paziente con dolore, sia esso dolore acuto o dolore cronico.
Nell’intenzione dei soci fondatori, Partenos non è e non vuole essere un’associazione scientifica, che, in quanto tale, è necessariamente legata e vincolata a rigidità statutali e ad interessi corporativistici che, spesso (anche se, per fortuna, non sempre) finiscono per limitarne le potenzialità e le azioni: piuttosto Partenos è un “Club delle idee” e, in quanto club, è aperto a tutti coloro che intendono farne parte ed è pronto a recepire tutte le idee, ad una sola ed unica condizione: che il dialogo sia di alto profilo e produttivo, perché anche nel campo del dolore avvertiamo, in qualche modo, il bisogno di creare il “made in Italy”: prodotti di qualità, che vanno ad inserirsi in un settore in cui regna, purtroppo, la massificazione.
In realtà questo significa rispondere ad una domanda che noi per primi ci siamo fatti al momento di intraprendere il cammino che ci ha portati oggi qua (e chi mi conosce, sa che una cosa aborro: l’autoreferenzialismo): perché un nuovo soggetto che parla di dolore? C’è spazio, ma, soprattutto, ce n’è bisogno?
Beh, noi crediamo che la risposta a queste due domande è si: perché non c’è una società che affronta le tematiche che intendiamo affrontare noi, con le modalità e le interazioni che intendiamo stabilire noi e perché è evidente a tutti noi che, a distanza di sei anni dalla legge 38, il mondo dell’analgesia ha perso stimoli, non è riuscito ad incidere nel panorama culturale né in quello mediatico, né in quello farmaceutico come tutti ci saremmo auspicati.
E’ ciò che è ancora più grave, è che, nel complesso, il movimento nella sua globalità appare fermo, non si vede all’orizzonte neanche una “next generation”.
E’ evidente che qualcosa abbiamo sbagliato tutti, nel campo della condivisione e diffusione delle conoscenze, della formazione, dell’informazione, della ricerca, dei rapporti istituzionali, nella difesa dei principi e così via.